LA LEGGENDA DI ACQUAMORTA

Nei dintorni di Monte di Procida, si trova una piccola insenatura chiamata Acquamorta, il nome è legato alla calma delle acque dell’ insenatura, al riparo dalle correnti, anche se i più romantici legano l’ origine del nome a una triste leggenda. 

 ACQUAMORTA

Nei dintorni di Monte di Procida, si trova una piccola insenatura con una spiaggetta chiamata Acquamorta, un luogo incantevole che offre un panorama mozzafiato.

Il nome Acquamorta, è legato alla calma delle acque dell’ insenatura, al riparo dalle correnti, anche se i più romantici legano l’origine del nome a una triste leggenda.

In questo luogo tempo fa, viveva un ricco proprietario terriero di nome Cosimo, l’uomo quando si recava a controllare il suo possedimento, alcune volte portava con se la sua unica figlia femmina di nome Acqua.

Un giorno, la fanciulla approfittando di un momento di distrazione del padre si recò da sola in spiaggia per fare un bagno, mentre era intenta nuotare non si accorse di essersi spinta troppo al largo, un onda la trascinò sott’acqua facendola quasi annegare, ma improvvisamente qualcuno la riportò in superficie.

Quando rinvenne, si ritrovò su una piccola barchetta con Giosuè, un giovane pescatore procidano che l’aveva salvata.

I due giovani, lungo il tragitto verso la riva si conobbero e scoprirono di avere in comune la passione per il mare.

Acqua non dimenticò mai quell’incontro e ogni giorno alla stessa ora, si recava in spiaggia per scorgere la barchetta di Giosuè, la fanciulla alzava il braccio e lo salutava. Lui lasciava andare il remo per rispondere al saluto.

Un giorno Acqua non vide la barchetta di Giosuè, la fanciulla apprese la notizia che a Procida alcuni pescatori, sorpresi dalla tempesta, erano annegati.

Secondo la leggenda, la ragazza dopo diversi giorni di attesa, non riuscendo più a sopportare il dolore per la perdita dell’uomo di cui si era innamorata, si avviò tra le acque del mare e non fece più ritorno.

Il suo corpo, dicono, non fu mai trovato… fu da allora che quella spiaggia, cominciò ad essere chiamata dai popolani Acquamorta.

 

Seguiteci anche su Facebook: Fantasmi leggende e misteri di Napoli e Campania

Fonte immagini: Internet