MONTEPERTUSO: LA LOTTA DEL BENE SUL MALE

A Montepertuso, ogni 2 Luglio si festeggia una lotta avvenuta nel VI secolo, quella tra la Vergine Maria e il Demonio.

IL MONTE FORATO

 

Montepertuso si trova nella parte alta di Positano, essa è collegata ai Monti Lattari da numerosi sentieri ideali per fare trekking.

Il Montepertuso (che letteralmente significa “buca nella montagna”)deve il suo nome al monte forato che la sovrasta dalla parte occidentale.

Secondo una antica leggenda, nel VI secolo d.C questo splendido luogo divenne lo scenario di una battaglia, quella tra la Vergine Maria e il Demonio, quest’ultimo per dimostrare la sua forza, tentò senza successo di bruciare la montagna con la forza delle proprie mani, la Madonna, impietosita, sfiorò col dito il monte che si sgretolò.

Il Diavolo sconfitto, precipitò giù dal monte cadendo sulle rocce sottostanti, dove ancora oggi, secondo i fedeli, è visibile la sua gigantesca orma impressa nella pietra.

Gli abitanti, furono svegliati da un continuo tuonare.

Una volta usciti dal rifugio, una luce bianca con al centro una figura apparve nel monte. La prima ad essere avvolta da quella luce fu una ragazza, che udì una voce che con tono materno le disse:

«Non aver più paura, il demonio è stato maledetto ed i suoi sforzi contro questo monte sono finiti, perché distrutto lo spirito maligno. Resti del suo corpo a forma di serpente si trovano all’altro versante della roccia viva. Vieni, dunque, con me ed accompagnami sulla collina della selva Santa, ove ci fermeremo per sempre».

La Madonna, dopo aver sconfitto il Demonio volle rassicurare gli abitanti del posto.

Ancora oggi, è possibile ammirare nella roccia la sagoma spezzata del serpente maledetto.

Su quella collina, sorse un tempio dedicato a Maria SS. Delle Grazie, e dove ogni anno

il 2 Luglio, si festeggia la vittoria del bene sul male, la leggenda viene rappresentata attraverso un gioco di luci, suoni e proiezioni in un clima di gioia e di festa.

FESTA DI MONTEPERTUSO

 

 

Seguiteci anche su Facebook: Fantasmi leggende e misteri di Napoli e Campania

Fonte immagini: Internet