GLI SPETTRI DEL BORGO DI VAIRANO PATENORA

Passeggiando tra le suggestive stradine di Vairano Patenora, non è difficile immaginare, che su questo luogo possono nascere numerose e suggestive leggende.

BORGO DI VAIRANO PATENORA

In provincia di Caserta, si trova un borgo medievale bellissimo, che pochi conoscono chiamato Vairano Patenora, una piccola perla dove sembra che il tempo si sia fermato.

Passeggiando tra le suggestive stradine, non è difficile immaginare, che su questo luogo possano nascere numerose leggende, tra quelle più suggestive ne ricordiamo tre:

Re Carlo II detto “lo Zoppo” Figlio di Carlo I d’Angiò, nel Marzo del 1302 tornando da un viaggio verso Roma a Napoli, pernottò nel castello di Vairano, ammaliato dalla bellezza di questo luogo, vi soggiornò in varie occasioni.

Ancora oggi, nelle notti di luna piena, è possibile sentire il ticchettio del suo bastone, il suo fantasma vagherebbe all’interno dei resti e dei cunicoli del castello, in cerca della stanza dove aveva soggiornato un

CASTELLO DI VAIRANO PATENORA

tempo, senza però trovarla, poiché il castello nel corso degli anni ha subito notevoli cambiamenti alla struttura.

Un altro fantasma infesterebbe il luogo di Vairano, negli anni Settanta vicino al pozzo all’interno del cortile di Villa Cirelli-Ausiello, venne ritrovato il cadavere della proprietaria, donna Giulia, le dinamiche della morte non vennero mai scoperte, all’ epoca si vociferava che la uccise un servitore, suo amante. Il suo fantasma vagherebbe ancora all’ interno della villa disabitata in cerca del suo assassino lasciando dietro di se la scia d’acqua del pozzo.

Sopra una collina si trova la piccola Chiesa di S.Maria del Monte a Marzanello, la storia narra che la chiesa all’epoca era abbandonata, fino a quando la Madonna apparve a un fedele, chiedendogli di portare all’interno della chiesa la sua statua, iniziò un pellegrinaggio di fedeli, si susseguirono numerose altre apparizioni specialmente durante le preghiere notturne, con alcune persone che cadevano anche in trance.

Gli episodi continuarono per diverso tempo, fino a quando la chiesa non venne benedetta, e la statua della Madonna fu portata via, vennero recuperate anche delle ossa di defunti sepolti nella struttura a cui fu data una solenne sepoltura.

I fedeli, ancora oggi credono che quei fenomeni strani siano opera dei fantasmi dei defunti, sotterrati in quella chiesetta che chiedevano di essere ricordati e finalmente ottenere una decorosa sepoltura.

CHIESA DI SANTA MARIA A MONTE

 

Seguiteci anche su Facebook: Fantasmi leggende e misteri di Napoli e Campania

Fonte immagini: Internet