LE LACRIME DELLE FONTANE DI NAPOLI

<< “E tutte le fontane di Napoli sono lagrime” >>

Matilde Serrao nel suo famoso libro ” Leggende napoletane” sosteneva che le fontane della città partenopea, erano lacrime di disperazione e dolore.

LA FONTANA DEGLI INCANTI

<< “E tutte le fontane di Napoli sono lagrime” >>

Matilde Serrao nel suo famoso libro “Leggende napoletane” sosteneva che le fontane della città partenopea erano lacrime di disperazione e dolore;

La Fontana di Monteoliveto, è formata dalle lacrime di una monaca che pianse senza fine la sua passione di Cristo.

FONTANA MONTEOLIVETO

La Fontana delle Serpi, sono le lacrime di una fedele serva di nome Belloccia, che pianse tutte le sue lacrime perché innamorata del suo signore.

La Fontana degli Specchi, (demolita nel 1885) era fatta delle lacrime di Corbussone, un cuoco del palazzo reale innamorato della sua regina alla quale cucinava gli intingoli.

La Fontana Medina sono le lacrime di Nettuno, innamorato di una bella statua cui non arrivò a dar vita.

Mentre la Fontana del Leone, è il pianto di un principe napoletano,

FONTANA DELLE SERPI

rimasto da solo con un unico amico, un leone, che morì miseramente. Un altra leggenda racconta che, anni fa un principe si recava in questi luoghi per incontrarsi con la sua amante, e ogni volta ci veniva

accompagnato dal suo fedele amico, un leone. Probabilmente per una malattia la sua amata morì, il giovane principe morì poco dopo di crepacuore. In quel luogo spuntò la sorgente e a guardia di quelle lacrime venne posto un leone.

Un altra affascinante leggenda ha come protagonista la Fontana degli Incanti, situata a Piazza Salvatore di Giacomo a Posillipo, secondo la leggenda le streghe più potenti della città, di notte, si radunavano dinanzi alla fontana per utilizzarne l’acqua pura che serviva per

FONTANA MEDINA

creare porzioni e filtri d’amore.

Secondo la leggenda, un giorno si recò da una potente fattucchiera della zona, un nobile spagnuolo che si era perdutamente innamorato

di una giovane fanciulla napoletana di nome Barbara, il giovane voleva a tutti i costi che la giovane fanciulla si innamorasse perdutamente di lui, e per questo chiese alla fattucchiera una porzione magica.

Il nobile spagnuolo venne raggirato, perché la ragazza appena bevve l’intruglio morì.

 

FONTANA DEL LEONE                                         FONTANA DEGLI INCANTI

 

 

 

Seguiteci anche su Facebook: Fantasmi leggende e misteri di Napoli e Campania

Fonte immagini: Internet