POSILLIPO: LA LEGGENDA DELLA BAIA DEI DUE FRATI

La Cala di San Pietro ai due Frati viene chiamata anche Baia dei due Frati, è un tratto di costa situato a Posillipo, in questo splendido luogo nasce un antica leggenda.

BAIA DEI DUE FRATI A POSILLIPO

La Cala di San Pietro ai due Frati viene chiamata anche Baia dei due Frati, è un tratto di costa situato a Posillipo, in questo splendido luogo nasce una antica leggenda.

Su questa collina, abitavano due giovani fratelli Carmine e Luigi, durante una notte di tempesta una barca di pescatori, stava naufragando sullo scoglio all’imbocco della baia. 

I due giovani fratelli, sollecitati dalla madre si tuffarono in mare per salvare i naufraghi, riuscirono a salvare solo una ragazza, Concetta, il padre e il fratello furono inghiottiti dalla onde.

Carmine e Luigi, in seguito recuperarono i corpi dei due uomini che vennero seppelliti in una chiesa adiacente, quella di San Paolo Apostolo.

Concetta, venne accudita in casa dei suoi salvatori come una terza figlia.

Con il passare del tempo, sia Carmine che Luigi si innamorarono della bellissima fanciulla.

I due innamorati, iniziarono un corteggiamento serrato, Concetta sembrava indecisa e inizialmente accettò la corte di Carmine.

Successivamente le attenzioni della fanciulla si spostarono su Luigi, che contraccambiava l’interesse di Concetta.

Carmine si accorse del comportamento sleale di Luigi, i due fratelli diventarono nemici.

La sera di Carnevale, era usanza per il popolo napoletano mascherarsi per festeggiare, ed è proprio in quella sera che Luigi mise in atto il suo piano.

Il giovane si mascherò e rapì Concetta, accecato dalla gelosia, aveva deciso di partire lontano con la sua amata, ma la fanciulla una volta smascherato l’uomo si ribellò, e contro il suo volere Luigi la trascinò su una barca.

Nel frattempo Carmine cercava la sua amata, in lontananza vide un uomo mascherato che stava rapendo Concetta, prese subito un coltello e corse verso lo sconosciuto. Giunto sullo scoglio si precipitò alle spalle dell’uomo e lo pugnalò al cuore. Luigi gli tolse la maschera e scoprì che lo sconosciuto che aveva appena ucciso, era suo fratello.

Sconvolto prese la lama e si trafisse il cuore, i due fratelli morirono insieme.

Da quella terribile notte, di Concetta non si conosce più nulla, alcuni sostennero che la fanciulla, affranta dal dolore e in colpa per la morte dei due fratelli, si suicidò poco dopo.

La leggenda racconta che sullo scoglio dove è avvenuta la tragedia, di notte vagano ancora i fantasmi di Carmine e Luigi in cerca di Concetta, ma non finisce qui…

In una notte di tempesta, un fulmine colpì lo scoglio che divise l’ammasso roccioso in due parti e che da allora, porta i nomi dei due sfortunati fratelli. La stessa leggenda, narra che nel giorno della ricorrenza di San Pietro e Paolo, il 29 giugno, i due scogli misteriosamente invertono i posti.

LO SCOGLIO DEI DUE FRATI

 

 

Seguiteci anche su Facebook: Fantasmi leggende e misteri di Napoli e Campania

Fonte immagini: Internet